venerdì 13 aprile 2012

Ristrutturare casa grazie ad un mutuo a tasso variabile

Una casa vissuta sprigiona calore e mantiene perciò sempre un certo fascino, ma quando comincia a perdere qualche pezzo è meglio correre ai ripari.

Come fare, però, quando le spese da affrontare sono tante e non si dispone di un "salvadanaio" per le emergenze?

Una soluzione esiste. Si tratta del mutuo ristrutturazione che, come facilmente intuibile, è lo strumento ideale per finanziare i lavori di ammodernamento di un immobile di proprietà quale la propria vecchia abitazione.

L’importo finanziabile copre generalmente l’80% dell’importo dei lavori, che vanno documentati in modo preciso e dettagliato. Occorre presentare dei documenti relativi a:

  • la tipologia di interventi da realizzare;
  • i costi e i tempi necessari;
  • le eventuali autorizzazioni a procedere.

Possono essere finanziati :

  • lavori di manutenzione ordinaria;
  • lavori di manutenzione straordinaria;
  • lavori di ristrutturazione con grandi opere.
Si va dunque da semplici interventi di ristrutturazione ad alcune parti dell’immobile fino a giungere a trasformazioni sostanziali.

Come per qualsiasi mutuo, anche questa particolare tipologia di finanziamento prevede un’erogazione a tasso fisso o variabile.

Noi ci occuperemo naturalmente del mutuo a tasso variabile che, grazie alla clamorosa spinta monetaria della BCE e al notevole abbassamento dell’indice Euribor, sembra decisamente non avere rivali!


Oggi vi illustriamo la proposta di Unicredit.

Il mutuo a tasso variabile per ristrutturazione di Unicredit rappresenta la soluzione adatta a chi vuole dare una ventata di modernità alla propria casa, beneficiando di un finanziamento con una durata più lunga e una rata più comoda allineata all’andamento del mercato finanziario.

L’importo minimo finanziabile è di 50.000 euro, mentre la durata di rimborso varia da un minimo di 5 anni fino ad un massimo di 25 anni. Il cliente può scegliere se associare il mutuo variabile all’Euribor a tre mesi o al tasso BCE, entrambi maggiorati dallo spread commerciale.


Nessun commento:

Posta un commento

Lascia un tuo commento liberamente. Ricordati che non accettiamo commenti anonimi. E' importante esprimere la propria opinione senza offese. Ricorda anche questo!